Sara Tommasi morta e indagata in Sicilia

Sara Tommasi morta e indagata in Sicilia

Di Sara Tommasi si sono perse le tracce, ma il suo nome è al centro di un’inchiesta politica in Sicilia.


Sara Tommasi stavolta non fa parlare di sé per la sua assenza da internet. Stavolta non c’entra niente la sua pagina Facebook ricca di foto decisamente intime e provocatorie. Stavolta che Sara Tommasi sia viva o morta non importa. Sara Tommasi, del resto, negli ultimi giorni sembra essere argomento caldo a tutti gli effetti delle cronache rosa e oggi si accaparra anche il ruolo di nome ufficiale nelle inchieste politiche in atto in Sicilia.

L’operazione in questione è quella della Guardia di Finanza di Palermo che all’alba ha portato all’arresto di ben 17 persone, tra cui il manager Faustino Giacchetto, reo di aver pagato tangenti, regalato viaggi e fornito escort a pubblici funzionari e politici in cambio di finanziamenti per un ente di formazione, il Ciapi, e dell’aggiudicazione di bandi regionali sulla comunicazione. Gli indagati sono 40, tra cui politici e dirigenti regionali. Il nome di Sara Tommasi è stato fatto da il Fatto Quotidiano, che cita il coinvolgimento della soubrette così:

“Giacchetto avrebbe offerto ad alcuni politici anche la compagnia di alcune escort. In alcuni casi è rimasta addirittura traccia dei pagamenti effettuati alle accompagnatrici con regolare fattura. Il caso più eclatante è quello di Sara Tommasi, al quale il guru della comunicazione fece destinare 3 mila euro il 30 luglio del 2010 dal conto corrente della Media Center, una delle società del suo network. Ad Angelo Vitale, legale rappresentante della Media Center ma in realtà uno dei suoi assistenti, Giacchetto disse che si trattava del pagamento per un servizio fotografico. “Poi – racconta Vitale agli inquirenti – chiesi notizie al Giacchetto che mi fece intendere che non si trattava di un servizio fotografico, ma di un pagamento per delle prestazioni di altra natura”. Rimane solo da capire chi ne usufruì”.

Insomma, non più provocatrice, non più nuda, non più attrice di film porno, non più fidanzata con questo o con quella, stavolta Sara Tommasi è stata associata a un’operazione della Guardia Di Finanza di Palermo e il suo nome è alla stregua di quello delle escort. Ecco come far naufragare una carriera da brillante soubrette e concorrente di reality show… (b.p.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto