Ray Manzarek è morto: addio al tastierista dei Doors

Ray Manzarek è morto: addio al tastierista dei Doors

Sua la inconfondibile melodia di Light My Fire: muore il fondatore, assieme a Jim Morrison dei Doors.


Un cancro al sistema biliare ha tolto la vita a Ray Manzarek, tastierista e fondatore dei Doors, aveva 74 anni e si è spento in un ospedale di Rosenheim, in Germania, dove era in cura da tempo.

 

Ray+Manzarek+The+Doors+Rock+n+Cycles

 

Manzarek ha cambiato completamente e irrimediabilmente la storia della musica, la sua tastiera ha contraddistinto i suoni dei Doors e per la prima volta, lo strumento simile e riconducibile al pianoforte è diventato parte integrante e fondamentale di una rock band di fama mondiale. Pezzi come  “Light my fire”, “Riders on the storm”, “Break on through”, “Love street” non sarebbero stati gli stessi senza le tastiere e il riconoscibilissimo suono e stile di Manzarek. L’organo elettrico Vox Continental nei Dooors aveva la stessa identica importanza della voce di Morrison e delle sue movenze, probabilmente anche dettate dal suono psichedelico della tastiera.

 

 

Robby Krieger, amico di sempre e chitarrista dei Doors, che ha continuato a collaborare con Manzarek anche dopo lo scioglimento della band fa sapere.

“Sono profondamente scosso dalla notizia della morte di Ray, mio amico e mio collega. Sono solo felice di essere stato in grado di suonare le canzoni dei Doors con lui ancora negli ultimi dieci anni. Ray è stato una parte importantissima della mia vita e mi mancherà”.

In un’intervista durante il Pistoia Blues Festival 2011, un giornalista del Corriere della Sera ha chiesto a Manzarek e Robby Krieger se vedessero eredi di Jim Morrison e dei Doors nell’attuale panorama musicale. Manzarek ha indicato i Chemical Brothers. Il giornalista, sorpreso, ha commentato che il loro è un genere molto diverso. Marzarek, sorridendo, ha risposto:

“E allora? I Chemical Brothers hanno lo spirito dei Doors dentro!”.

 

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto