Papa Francesco a Caserta dopo l’ omelia le bestemmie, TV2000 chiede scusa agli spettatori

Papa Francesco a Caserta dopo l’ omelia le bestemmie, TV2000 chiede scusa agli spettatori

Durante le diretta della messa di Papa Francesco a Caserta i telespettatori di TV2000 hanno ascoltato non la celebrazione della eucaristia ma diverse parolacce


E’ stata una diretta un po’ movimentata quella di ieri durante la messa domenicale celebrata da Papa Francesco a Caserta. Mentre le telecamere di Tv2000, il canale della CEI (Conferenza episcopale italiana) riprendevano l’importante cerimonia del pontefice nel comune campano, si sono sentite bestemmie in diretta. L’increscioso incidente ha costretto la regia a togliere l’audio.

Repentina e secca la condanna da parte dei due cronisti presenti a Caserta, don Filippo Di Giacomo e Monica Di Loreto, urtati da frasi e espressioni irripetibili.

Le critiche sono arrivate anche da alcuni vescovi, che erano collegati in quel momento. Una brutta tegola che colpisce la nuova direzione, nominata il 28 aprile dopo il licenziamento del direttore Dino Boffo.

Non bestemmie ma “parole grevi”

Il direttore di rete di Tv2000, Dr. Paolo Ruffini ha voluto commentare così l’accaduto sul Fatto Quotidiano:

Per la verità, bestemmie non sono state né dette né ascoltate come invece è stato erroneamente scritto nell’articolo di Francesco Antonio Grana. Durante la diretta, per un errore grave che certo non doveva accadere, era rimasto aperto quello che in gergo si chiama un ibrido. Ciò ha comportato che si siano prima ascoltate voci indistinte e poi udite parole grevi (non bestemmie) pronunciate da un tecnico , inconsapevole di essere in onda, mentre stava cercando di capire cosa stesse accadendo e di risolvere il problema. Detto questo, quando si sbaglia, c’è una sola cosa da fare: chiedere scusa. E questo abbiamo fatto immediatamente. Per il resto il nostro impegno è accertare esattamente le responsabilità ed adoperarsi perché simili incidenti non si ripetano.”





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto