Papa Francesco, apertura al dialogo con le altre religioni

Papa Francesco, apertura al dialogo con le altre religioni

Papa Bergoglio conferma la sua volontà di proseguire nel dialogo ecumenico anche nei confronti di diverse tradizioni religiose


Nell’incontro alla Sala Clementina con i delegati fraterni e con i rappresentanti di altre religioni, Papa Jorge Mario Bergoglio ribadisce la ferma volontà di proseguire nel cammino del dialogo ecumenico. Ripete addirittura due volte:

“La Chiesa cattolica è consapevole dell’importanza della promozione, dell’amicizia e del rispetto tra uomini e donne di diverse tradizioni religiose”.

Il nuovo Papa ha voluto ricordare il Concilio Vaticano II e le parole di Giovanni XXIII il quale affermava che la Chiesa Cattolica si doveva adoperare per il compimento del mistero di quell’unità che Gesù ha chiesto a Dio nell’imminenza del sacrificio. Riprendendo queste parole, Papa Bergoglio ha esosrtato i fedeli ad essere tutti “intimamente uniti”.

Francesco I ha inoltre ringraziato tutti i musulmani presenti:

“Apprezzo molto la vostra presenza, in essa vedo un segno tangibile della volontà di crescere nella stima reciproca e nella cooperazione per il bene comune”.

Rivolgendosi alla comunità ebraica, ha augurato di proseguire fraternamente il proficuo dialogo che il Concilio auspicava e che si è realizzato.

Durante l’incontro, ha anche aperto le braccia verso gli atei dicendo che sia necessario essere accanto alle persone che, pur non riconoscendosi in nessuna religione, sono alla ricerca della verità, della bontà e della bellezza, che rappresentano verità, bontà e bellezza di Dio.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto