Oscar Pistorius colpevole: ha ucciso la sua fidanzata

Oscar Pistorius colpevole: ha ucciso la sua fidanzata

L’accusa inchioda Pistorius, la condanna non è ancora definitiva e il processo ancora in corso. Ecco le ultime novità.


L’accusa è chiara, lampante, chiara, dura:

“Tutto sta a indicare una programmazione. Dire che Reeva Steenkamp era un intruso faceva parte del piano. E, anche se accettassimo questa versione, costituirebbe sempre omicidio premeditato”.

E ancora:

“Poco prima, c’era stato un litigio tra Oscar e Reeva: Steenkamp si è chiusa a chiave in bagno nelle prime ore del mattino, ci sono delle conseguenze da trarre”.

E le conseguenze sembrano essere chiare per tutti, ma non per la difesa:

“Non è un caso da “C’è uno sconosciuto in piedi vicino al mio letto”. C’era un motivo per uccidere. “Cammino sette metri, vedo la porta del bagno, sparo. Voglio uccidere”

Il pubblico ministero Garrie Nel conclude:

“Sparando quattro colpi, voglio forse spaventare qualcuno? C’è premeditazione, non c’è dubbio. Perché Reeva si è chiusa a chiave alle 3 del mattino in bagno? C’è un motivo, ma per il momento non posso rivelarlo. È stato premeditato fino a che le ha sparato, ciò non esclude che possa aver provato rimorso dopo”.

La tragedia di Oscar Pistorius sembra non avere fine, nonostante alla conclusione ci si stia avvicinando. La medaglia d’oro delle Olimpiadi vive un dramma incredibilmente mediatico che sta mettendo a repentaglio la sua carriera, la sua credibilità e la sua stessa vita. Qualora le accuse fossero vere e venisse dimostrato che l’assassino di Reeva Steenkamp sia lui e soltanto lui, il mondo intero si troverà di fronte a una vera e propria bomba mediatica. L’udienza ora in atto è quella per il rilascio su cauzione, udienza che fornirà sicuramente nuove importanti novità in questa annosa questione, novità di cui vi faremo partecipi. Pistorius comunque continua a dichiararsi innocente: il suo avvocato Roux sostiene che non si sia trattato di omicidio volontario. Pistorius ha sparato credendo che Reeva fosse un intruso; la porta l’ha buttata giù per soccorrerla, una volta resosi conto del terribile errore.

 

(b.p.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto