Kobane è quasi del tutto libera

Kobane è quasi del tutto libera

I miliziani curdi sono riusciti a cacciare quasi tutti i miliziani dell’ISIS da Kobane e controllano circa il 90% della città


Da questa mattina a Kobane, la città al confine turco-siriano diventata simbolo della lotta contro l’ISIS da parte del popolo curdo sventola la bandiera del YPG (unità a difesa del popolo curdo).

La notizia della liberazione della città è stata data dall’Osservatorio siriano per i diritti umani di Londra. Ci sarebbero ancora sporadici combattimenti nei due sobborghi dove sono ancora presenti i miliziani dello Stato islamico. Gli attivisti hanno pubblicato una foto dove una bandiera dell’YPG è issata al posto della bandiera nera dell’ISIS su una collina a nord-est di Kobane.

Mahmoud Barkhadan, il comandante curdo, ha guidato le sue truppe fino a Kani Erban e Maqtalah, due sobborghi della città. I miliziani dell’ISIS rimasti sono asserragliati in due aree della periferia e fra di loro ci sono molti minorenni a quanto pare.

La stima dei morti nei combattimenti ha raggiunto l’astronomica cifra di 1.600.





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto