Il Volo: l’albergatore sgonfia il caso

Il Volo: l’albergatore sgonfia il caso

Il direttore dell’Hotel Du Lac Di Locarno, in Svizzera, ha ridimensionato la polemica che negli ultimi giorni ha coinvolto i…


***image_caption***
Il direttore dell’Hotel Du Lac Di Locarno, in Svizzera, ha ridimensionato la polemica che negli ultimi giorni ha coinvolto i ragazzi de ‘Il Volo’, Ignazio Boschetto, Piero Barone e Gianluca Ginoble, finiti nell’occhio del ciclone per presunti atti vandalici ai danni di una camera di hotel.
Nel corso di una discussione piuttosto accesa, andata in onda negli studi di ‘Pomeriggio Cinque’, tra l’agente del trio e il direttore dell’hotel, quest’ultimo ha dichiarato di non essere a conoscenza di chi possa avere diffuso la falsa notizia e che l’episodio a lui riportato dal personale delle pulizie, non sia stato verificato da lui personalmente, né tantomeno dalla stampa.
Dopo giorni di polemiche, gli artisti stessi hanno voluto dire la loro a “La Vita In Diretta”.
In un collegamento dalla propria abitazione, Piero ha detto: “Questa cosa mi fa tanto ridere perché purtroppo nella vita si inventa di tutto”.
A difendere la reputazione della band, c’ha pensato anche Ignazio che ha polemicamente affermato: “Gli animali fanno certe cose, non le persone umane. Noi non è che vogliamo fare i bravi ragazzi, lo siamo. Siamo attaccati alla famiglia e non ci permetteremmo mai di fare una cosa del genere in hotel.”
Gianluca infine si è detto molto dispiaciuto dei commenti e delle reazioni del web.
“Nonostante l’albergatore ieri abbia smentito, hanno continuato a scrivere cattiverie su di noi per rovinare la nostra carriera. La cosa più brutta è l’invidia” – ha detto il giovane musicista.
Il trio, attualmente impegnato nel tour promozionale del nuovo album ‘L’amore si muove’, era stato accusato di aver “gettato alla rinfusa” oggetti, materassi e biancheria, “orinato fuori dalle tazze” e “spalmato feci sul muro” della stanza d’albergo del Du Lac.
La band vincitrice dell’ultimo Festival di Sanremo ha fatto sapere che presto ricorrerà ad azioni legali a difesa della propria immagine e reputazione.





COMMENTI
Vedi tutto