Il passato riemerge dal metrò genovese

Il passato riemerge dal metrò genovese

Antichità in metropolitana


Il progetto ArcheoMetro, voluto dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Liguria, illustra gli eccezionali risultati di anni d’indagini di archeologia urbana a Genova.

La tratta metropolitana tra la stazione Brignole e la centralissima Piazza De Ferrari a Genova rappresenta un eccellente connubio tra fruizione e salvaguardia culturale.

Tale iniziativa segue quella realizzata qualche tempo fa, sempre a Genova, in occasione dell’allestimento nella stazione Darsena di un percorso di visita dedicato ai resti risalenti al porto medievale, coevi di Cristoforo Colombo.

Un progetto molto ampio programmato dalla stessa Soprintendenza ligure, mirato alla creazione di un Museo archeologico diffuso della città di Genova.

Le indagini archeologiche, condotte fine a oltre 13 m di profondità, hanno riportato alla luce il passato più remoto del capoluogo ligure: oggetti e tracce di attività agro-pastorali del Neolitico Medio (4800-4300 a.C.) e le più antiche strutture murarie note in città, costituite da una grande struttura in pietra datata all’età del Bronzo Antico (2200-1900 a.C.) riferibile ad un villaggio di cui doveva delimitare e proteggere uno dei confini.

La sequenza stratigrafica ha anche conservato livelli agricoli di età romana, alcune sistemazioni urbanistiche con tracciati stradali del Cinquecento e i resti di un monastero del XVII secolo.

Gli scavi, condotti dalla Soprintendenza, a cui sono seguite indagini paleobotaniche e geoarcheologiche, per ricostruire anche il paesaggio naturale antico, hanno trovato ampio risalto nella nuova stazione metropolitana di Brignole.

Nell’area d’accesso ai binari, una grande vetrina racchiude due porzioni dirisseu, la tipica pavimentazione con motivi geometrici e figurati, realizzata a mosaico attraverso l’utilizzo di ciottoli bianchi e neri, che appartenevano al sagrato della chiesa di S. Maria degli Incrociati, risalente al XVI secolo.

Un vero e proprio percorso museale, perfettamente inserito nel contesto funzionale della stazione metropolitana, per scoprire il passato della “Superba”, dalle origine preistoriche e attraverso l’evoluzione del tessuto urbano genovese nei secoli, attraverso i significativi risultati delle indagini archeologiche. (m.t.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto