Il paesaggio di Langhe, Roero e Monferrato candidato per l’UNESCO

Il paesaggio di Langhe, Roero e Monferrato candidato per l’UNESCO

La commissione nazionale Unesco candida Langhe-Roero e Monferrato a patrimonio mondiale dell’umanità


È la prima volta che il governo italiano candida un paesaggio rurale alla prestigiosa Lista dei beni patrimonio dell’umanità, unici al mondo. La scelta di oggi è un’ulteriore riprova dell’attenzione dell’esecutivo per i temi dell’agricoltura. Mi auguro che la valutazione dell’UNESCO possa essere positiva, conferendo così il giusto riconoscimento a un territorio pieno di storia e poesia, che in questa area del Piemonte si fa tutt’uno con la tradizione agricola portata avanti nei secoli dai suoi abitanti“.

Così il ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Mario Catania, commenta la decisione presa dal Consiglio direttivo della Commissione nazionale UNESCO che, con il voto unanime di tutti i suoi componenti, ha deliberato l’invio a Parigi, sede dell’Organizzazione internazionale, del dossier di candidatura del ‘paesaggio vitivinicolo delle Langhe-Roero e Monferrato‘.  Si tratta dell’unica candidatura italiana alla Lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO per il 2014.

Il lavoro da fare – spiega il ministro – è ancora tanto. L’iscrizione nella lista avverrà solo dopo il giudizio degli organi valutatori. Dovremmo convincere infatti i 190 Paesi, che aderiscono all’organizzazione internazionale, che il paesaggio di Langhe-Roero e Monferrato è unico al mondo e, quindi, deve avere un posto di riguardo tra le eccellenze dell’UNESCO”.  (a.d.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto