Francia, treno deragliato: i morti salgono a 11, aperta un’inchiesta

Francia, treno deragliato: i morti salgono a 11, aperta un’inchiesta

Si aggrava il bilancio del numero delle vittime dell’incidente ferroviario in Alsazia avvenuto all’indomani dei terribili attentati di Parigi


Sale a 11 il numero dei morti causati dal deragliamento di un treno ad alta velocità, tgv, in Alsazia. 28 le persone ferite, invece, di cui 12 in condizioni molto gravi. Sul treno, in fase di test, c’erano anche dei bambini ed è questo il motivo che ha spinto Guillaume Pépy, l’amministratore delegato delle ferrovie francesi, ad aprire un’inchiesta. Sul treno, appunto in fase di prova, avrebbe dovuto esserci a bordo soltanto del personale tecnico autorizzato che doveva compiere i test. Non si sa come, alcuni dei cinquanta tecnici a bordo erano invece accompagnati dai figli.

Come ha spiegato Pépy: “Per salire a bordo di un treno in test serve un’autorizzazione. Bisogna capire perché gli accompagnatori erano a bordo. Non è una pratica che la Sncf riconosce. Un test è un test, non è una gita turistica o commerciale.”

Il bilancio delle vittime potrebbe essere destinato ad aggravarsi dal momento che risultano ancora 5 persone disperse. L’incidente ha avuto molta eco soprattutto per il fatto di essere avvenuto il giorno dopo i terribili attentati di Parigi che hanno causato la morte di oltre 130 persone, scatenando il panico in merito al fatto che anche il deragliamento potesse essere collegato al terrorismo. Così non è stato.

Simona Vitale





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto