Cultura, una tassa su smartphone e tablet per sostenerla. In Francia

Cultura, una tassa su smartphone e tablet per sostenerla. In Francia

Se spendi 600 euro per un tablet puoi permetterti una piccola tassa per sostenere chi produce i contenuti dei quali fruirai probabilmente gratis. La propsota francese


Anche in Francia la cultura è penalizzata dalla crisi, se ci aggiungiamo la larga diffusione della pirateria ci si rende conto di come tutta l’industria culturale patisca di mancati introiti. E a ben poco sono servite le severe norme anti-pirateria messe in pratica dall’ex presidente Nicolas Sarkozy attraverso il cosiddetto sistema “Hadopi” che ha reso la Francia probabilmente il paese con le norme più restrittive a proposito di copyright. Sistema molto impopolare, soprattutto tra i giovani, e alquanto inefficace. La nuova proposta a suo modo rivoluzionaria, destinata certo a sollevare altre polemiche, è stata avanzata da Pierre Lescure, giornalista – imprenditore scelto da Francois Hollande a cercare una soluzione: si tratterebbe di istituire una piccola tassa sui dispositivi mobili (tablet e smartphone) il cui ricavato andrebbe poi a sostenere gli autori e gli artisti le cui opere sono fruite attraverso gli stessi dispositivi. Il principio è che se le persone sono disposte a versare svariate centinaia di euro per aggiudicarsi l’oggetto tecnologico, non dovrebbero “risentirsi” per un piccolo balzello. Gli introiti, inoltre, sarebbero praticamente sicuri soprattutto se si coinvolgono nel progetto giganti come Apple, Google, Amazon che non solo producono le tecnologie ma diffondono anche i contenuti culturali. La proposta, che verrà presentata oggi al Presidente della Repubblica, riprende e rinnova un sistema di finanziamento alla cultura messo in campo sin dagli anni ’80 che prevede che parte dei ricavati dell’industria culturale siano devoluti in favore degli autori. Ma da quando con l’avanzata tecnologica s’è imposta la cultura del “free” e del download illegale, anche agli interventi di finanziamento è richiesto un aggiornamento. Una soluzione da considerare. (a.d)





COMMENTI

    Lascia una risposta


    Vedi tutto