La Costa Concordia è partita lascia il Giglio inizia l’ultimo viaggio

La Costa Concordia è partita lascia il Giglio inizia l’ultimo viaggio

La Costa Concordia saluta l’Isola del Giglio, dopo le operazioni di rotazione di 90° ha iniziato il suo ultimo viaggio rotta Genova


Il Capo delle operazioni di rigalleggiamento della Costa Concordia Nick Sloane e il Capo della Protezione Civile Franco Gabrielli rimangono sempre cauti nelle dichiarazioni. Per loro tutto lo stress accumulato in mesi e mesi di lavoro terminerà solamente con l’arrivo della Costa Concordia nel porto di Genova. Intanto la nave ha iniziato il suo ultimo viaggio, quello che la porterà allo smantellamento definitivo, alla cancellazione dall’anagrafe navale. Ad assistere alle prime manovre del mattino è arrivato anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio, quelle manovre che hanno portato la nave al largo dell’Isola del Giglio per permetterle di compiere la rotazione di 90°, indispensabile per puntare a dritta verso il porto di Genova.

E c’è stato chi si è commosso. Il primo cittadino dell’isola Sergio Ortelli non c’è l’ha fatta a trattenere le lacrime, frutto di una tensione che perdura dalla notte della tragedia, quel disastroso 13 gennaio del 2012. Da allora la sua Isola del Giglio ha lottato contro tutto. Contro la morte dei passeggeri rimasti intrappolati sulla Concordia. Contro il disastro ambientale che avrebbe potuto distruggere una delle bellezze del Belpaese. Contro le condizioni climatiche che hanno influito non poco sull’andamento dei lavori. E contro il tempo, che non sembrava finire mai. Adesso la sua Isola del Giglio è stata restituita in mano ai propri residenti e ai turisti. Niente più drammi, paure e morti dovranno identificare questa perla italiana, del mare italiano.

Altrettanto toccante è stato il saluto della marina stessa alla Concordia in movimento. Le sirene e i getti d’acqua del rimorchiatore, uniti agli applausi di chi stava osservando da terra, hanno restituito quella dignità marinaresca ad una nave che purtroppo rimarrà nella storia per una tragedia scaturita dalle mani dell’uomo. Il suo ultimo viaggio lo sta affrontando alla velocità di 1,9 – 2,0 nodi e l’arrivo al Porto di Genova è previsto per la giornata di domenica, condizioni atmosferiche permettendo. È stata una sconfitta dell’Italia, come metaforicamente tanti, quasi tutti hanno scritto al momento del disastro. È una vittoria dell’Italia portare a termine questa operazione. E lo sarà domenica a Genova, giorno in cui anche Nick Sloane e Franco Gabrielli potranno rilassarsi definitivamente passando le consegne.

 

Francesco Serviente





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto