Costa Concordia l’Italia come la nave

Costa Concordia l’Italia come la nave

Le metafore di Enrico Mentana, Roberto Saviano, Mario Monti e Gianni Riotta


Sui Social Network impazzano le opinioni degli spettatori che da due giorni a questa parte stanno seguendo le operazioni di parbuckling per raddrizzare la Costa Concordia.

Dei “moralisti del web” ne abbiamo già parlato, ma altri tweet divertenti sono stati pubblicati nella nottata e oltre a quelli si è verificato anche un uso improprio dei termini di paragone tra i personaggi televisivi.

Anche firme importanti del panorama culturale italiano si sono fatte sentire. Enrico Mentana ha pubblicato più che un post di Facebook, una provocazione:

“Vediamo chi sarà il primo gonzo, politico o giornalista, a usare la Costa Concordia come metafora, per frasi geniali tipo: ora raddrizziamo la nave Italia”

Enrico Mentana su Facebook

Pochi minuti dopo sempre su Facebook, Roberto Saviano ha scritto: “Dietro la morbosità dei media nell’osservare le operazioni all’isola del Giglio, forse, c’è qualcosa di più profondo della speculazione sul disastro celebre. Sembra muoversi un impronunciabile sogno da subcosciente: se si raddrizza la nave, simbolo di un paese alla deriva che lentamente affonda, c’è speranza magari che si raddrizzi l’Italia e che torni a galleggiare.”

Roberto Saviano su Facebook

La categoria dei giornalisti/scrittori è stata prontamente trovata, poco dopo anche quella dei politici.

L’ex Premier Mario Monti in diretta su La 7 ospite della trasmissione L’aria che tira ha risposto a una domanda da parte della conduttrice Myrta Merlino che riguardava la metafora fatta da Mentana. Monti, ha prontamente risposto:

C’è qualcosa di vero, ma con una differenza fondamentale: proprio nel periodo in cui la Concordia ha fatto la fine che ha fatto l’Italia viaggiava nello stesso modo e il naufragio dell’Italia è stato possibile evitarlo con lo sforzo di tutti e con misure molto precise. Non occorre rimettere l’Italia in rotta, però l’Italia va spinta a crescere e da questo punto di vista un po’ di concordia è sicuramente necessaria”.

Dopo Saviano e Monti un’altro giornalista è caduto nella trappola, anche Gianni Riotta, scrittore de Il Sole 24 Ore ed ex direttore del Tg1 ha postato su twitter un suo commento prontamente cancellato appena sapute le vicende “ironiche” che hanno coinvolto i suoi colleghi e l’ex Premier:

Non so quale proiezione psicoanalitica gli italiani stiano facendo sul recupero Concordia, ma qualcosa c’è di certo: Nave=Italia? Forse”. (s.s)

Gianni Riotta, il post cancellato





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto