Cory Monteith e i risultati dell’autopsia

Cory Monteith e i risultati dell’autopsia

A meno di una settimana dal suo decesso, arrivano tutti i riscontri sulla tragica morte del protagonista di Glee


Era il 13 luglio quando Cory Monteith è morto. Fino alle scorse ore le cause sono state incerte, nessuno ha osato parlare e ipotizzare. L’autopsia però è arrivata e quello che in tanti temevano, si è rivelato essere realtà. Cory Monteith, protagonista di Glee ha assunto un mix letale di alcol ed eroina.

In tanti credevano che l’attore non sarebbe mai ricaduto nella trappola che lo teneva in pugno dall’età di 13 anni – con droghe leggere – e 16 anni – droghe pesanti e dipendenze inarrestabili – e invece neanche la rehab è occorsa per salvarlo, neanche il successo di Glee e neanche l’amore incondizionato della sua compagna Lea Michele, sua collega.

 

Lea-Michele,-Cory-Monteith

 

E’ morto così Cory Monteith, all’età di 31 anni, da solo in una stanza dell’albergo Fairmont Pacific Rim Hotel, dopo aver trascorso la serata con un gruppo di amici di Vancouver. Ed è proprio Lea Michele, sua storica compagna, che ringrazia tanto i fan e le persone che hanno ricordato con parole amorevoli il suo compagno scomparso. Un comunicato stampa riferisce infatti:

“Lea è profondamente grata per il supporto e l’amore che sta ricevendo dalla famiglia, dagli amici e dai fan”, si legge nel comunicato. “Da quando Cory è scomparso, Lea è in lutto a fianco della sua famiglia e sta seguendo le dovute procedure del caso con loro. Si stanno sostenendo l’un l’altro mentre affrontano questo dolore insieme. Continuano ai media di rispettare la privacy di Lea e della famiglia di Cory”.

A Cory non devono essere bastati tutti record di Glee: quasi 50 milioni di telespettatori, 25 singoli musicali al primo posto delle classifiche degli Stati Uniti, 3 film realizzati, un Golden Globe tre anni fa come migliore serie tv. E anche quattro Emmy Award. A Cory non è bastato diventare uno degli attori più amati e ammirati da giovanissimi, la sua disperazione e forse un errore sono stati fatali e tutto il mondo dei fan della serie tv e non solo, si stringe attorno a lui, alla sua famiglia e soprattutto a Lea Michele.

 

 

(b.p.)

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto