Conclave: poche decine di minuti per sapere se avremo un nuovo Papa

Conclave: poche decine di minuti per sapere se avremo un nuovo Papa

In attesa della terza fumata, sono in atto la quarta e la quinta votazione della giornata.


115 cardinali elettori sono riuniti nella Cappella Sistina per la quarta e la quinta votazione del pomeriggio.

Se, dunque, la prossima fumata sarà bianca – tra altri componenti che rende biancastro il fumo c’è una miscela con il lattosio – avremo il successore al Papa emerito Benedetto XVI. Tra i vaticanisti e i fedeli cresce l’attesa: sarà un Papa bianco o nero o asiatico? Pare che le previsioni per vedere al soglio pontificio il cardinale Angelo Scola siano in discesa ma crescerebbe invece il consenso sia attorno agli americani e al brasiliano Odilo Pedro Scherer, sessantaquatrenne, conservatore ma aperto ad ogni istanza.

Non rimane che attendere perchè alla fine potrebbe essere nominato un Papa vietnamita o autraliano.

Per la cronaca la fumata nera – quella del nulla di fatto – si ottiene con una miscela a base di zolfo.

Nota di Cronaca. Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, interrogato su un pronostico di un Papa stelle e strisce ha dichiarato “Un Papa americano regnerebbe allo stesso modo di un papa polacco, italiano o del Guatemala… – ha proseguito – garantisco che la Conferenza episcopale negli Stati Uniti non prende ordini da me…“.  (gm)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto