Anonymous, nuovo video contro l’Isis: “Siamo vicini ai tuoi padroni”

Anonymous, nuovo video contro l’Isis: “Siamo vicini ai tuoi padroni”

Anonymous ha rilasciato un nuovo video nel quale minaccia l’Isis di essere ormai vicino ai suoi padroni, ribadendo il fatto che il gruppo non si arrenderà mai


Anonymous, la rete di “hackivisti” famosa in tutto il mondo che dopo gli attentati di Parigi ha dichiarato guerra online all’Isis, ha rilasciato un nuovo video nel quale, adottando lo stile di un telegiornale come nei video precedenti, il portavoce del gruppo indossando la tradizionale maschera di Guy Fawkes (V per Vendetta) minaccia l’Isis, dichiarando di essere quasi arrivati ai “padroni” del terrorismo.

“Dopo il brutale attacco terroristico che ha colpito Parigi, OpParis è nata per oscurare in rete quel cancro che i governi diffidano dal voler estirpare per l’evidente movimento di denaro che gira attorno all’Isis”.

Continua: “Anonymous non si ferma davanti agli attacchi informatici in risposta ai nostri 12mila profili jihadisti oscurati negli ultimi 15 giorni: ci hanno insultati, ci hanno minacciati di morte. Ma Anonymous è una legione solida che agisce in tutto il mondo per il bene dei propri fratelli offesi nei loro diritti umani, calpestati da vigliacchi criminali.”

“Sappiamo che ci temete, sappiamo che vi nascondete come topi in trappola: ricordate  che OpParis non si fermerà”, termina il video.

Ricordiamo che subito dopo gli attacchi terroristici di Parigi, Anonymus ha dichiarato guerra all’Isis riuscendo a cancellare in poche ore migliaia di profili Twitter legati in qualche modo allo Stato Islamico e promettendo di vendicare anche il cane poliziotto Diesel, morto durante il blitz di Saint Denis del 16 novembre nel corso del quale è morto suicida una delle menti degli attentati del 13 novembre:

I terroristi li chiamano “idioti”, hacker di Anonymous cancellano 5.500 account Twitter dell’Isis

Anonymous continua la guerra all’Isis: “Vendicheremo anche il cane Diesel”

Anonymous recluta dilettanti per la sua guerra contro lo Stato Islamico

Simona Vitale





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto