The Mosaic Man: Jim Power lo street artist che colora New York

The Mosaic Man: Jim Power lo street artist che colora New York

Qualcuno lo definirebbe street artist, qualcuno un esperto di guerrilla, ma Jim Power è solo un senza tetto che ha un messaggio da comunicare e lo fa con la sua arte del mosaico.


https://www.youtube.com/watch?v=kdImI5NZanI

Jim Power potrebbe essere un nome che non avete mai sentito, ma se viveste a New York nell’East Village potreste aver ammirato la sua arte migliaia di volte senza saperlo.
Jim Power è definito convenzionalmente un senza tetto, ma nella realtà dei fatti è a tutti gli effetti uno street artist. Jim infatti fin dagli anni ’70 colora e ravviva le strade della Grande Mela decorando i pali della luce con dei mosaici fatti di materiali “di scarto” come il vetro, la ceramica, il metallo. Per questo motivo si è guadagnato il nome di “The Mosaic Man”, la sua nuova identità dopo esser stato un veterano della guerra del Vietnam. Fin dalla sua prima opera Jim racconta di esser stato letteralmente folgorato da quest’ispirazione creativa che non lo abbandona da più di vent’anni.

Jim Power durante il primo periodo di attività si occupò di rivestire con i propri mosaici ben 70 lampioni di New York, ma a partire dalla fine degli anni Ottanta e nel corso degli anni Novanta il sindaco della città Rudolph Giuliani decise di intervenire per ripulire l’East Village, a discapito di oltre 50 delle sue opere.  Attualmente i lampioni ricoperti dai mosaici realizzati da parte di Jim Power possono essere individuati tra Brodway ed Eight Street Avenue, fino a Fourth Street. Molto spesso le sue opere sono dedicate a degli eventi come l’11 settembre, o incita gli spettatori occasionali a riflettere sul nostro tempo.
I suoi lavori sono diventati così famosi che New York lo ha inserito nel 2004 nella People’s Hall of Fame della città, volta a ricordare il patrimonio artistico e culturale lasciato dai propri abitanti. E a quanto pare The Mosaic Man avrebbe trovato un giovane apprendista a cui trasmettere la propria tecnica, affinché la sua arte possa essere portata avanti anche quando egli non potrà più occuparsene personalmente. “Lunga vita alla street art di Jim Power!” direbbero i suoi ammiratori e sostenitori newyorkesi, dai quali l’artista è ormai considerato una leggenda.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto