Tecnica mista. Come è fatta l’arte del Novecento: la mostra a Milano

Tecnica mista. Come è fatta l’arte del Novecento: la mostra a Milano

Fino al 9 settembre, il Museo del Novecento offre ai suoi visitatori un’esposizione che scava sulle nuove tecniche utilizzate dagli artisti, come il collage, l’assemblaggio e il fotomontaggio, o utilizzato nuove classi di materiali, o di dispositivi, come la plastica e il video.


Gli enormi cambiamenti dell’arte del Novecento non sono stati solo formali – come la scomposizione dell’immagine e l’astrazione – ma anche tecnici. L’utilizzo di materiali sperimentali o di uso comune, oltre a quelli tradizionali, ha esteso le possibilità espressive, ma, al contempo, ha reso le opere molto più complesse tecnicamente e fragili da conservare.

Dal lato opposto, di tipo concettuale, gli artisti hanno cercato di eliminare la materia dall’opera, scegliendo la strada altrettanto complessa della dematerializzazione e del vuoto. Questo percorso espositivo propone di gettare lo sguardo dietro le quinte dell’arte del Novecento per capire come e perché gli artisti hanno inventato nuove tecniche, come il collage, l’assemblaggio e il fotomontaggio, o utilizzato nuove classi di materiali, o di dispositivi, come la plastica e il video.

 

Nel Novecento l’arte tende a interfacciarsi con discipline quali la musica, il teatro e la danza per creare situazioni che non prevedono semplicemente la costruzione di un’opera, ma anche la costruzione di relazioni innovative con il pubblico e lo spazio espositivo. In questa mostra non mancheranno la performance, l’uso del suono in arte e l’installazione, la tipologia di opera più rappresentativa della contemporaneità, grazie alle dimensioni ambientali, all’uso di materiali diversi e media e, soprattutto, al coinvolgimento dello spettatore.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto