Nureyev, il ricordo del grande ballerino stasera a Roma al Parco della Musica

Nureyev, il ricordo del grande ballerino stasera a Roma al Parco della Musica

Ritorna a volare Rudolf Nureyev attraverso pregevoli filmati al Parco della Musica


Sono passati venti anni dalla morte del più grande ballerino del mondo Rudolf Nureyev. In occasione di questa ricorrenza Rudy, come veniva chiamato dagli amici, verrà celebrato,  a Roma, all’Auditorium Parco della musica con una serata di gala che inizierà domani alle ore 21.

 

Un viaggio antologico attraverso i balletti più significativi della carriera dell’artista,  con étoile e primi ballerini provenienti dai teatri più celebri del mondo. Tanti talenti per un evento italiano unico, interpreti meravigliosi di alcuni balletti creati  appositamente per Nureyev come “Chant du compagnon errant” di Maurice Béjart, “Don Juan” di John Neumeier,  “Lucifer” di Martha Graham, insieme ad altri “classici di repertorio” che hanno visto protagonista il mitico  danzatore in tutto il mondo, dal “Corsaro” alla “Bella addormentata”, da “La Bayadère” a “Spectre de la rose”.

 

Per non parlare delle sue coreografie come nel “Don Chisciotte” e “Il lago dei cigni”.  Ad arricchire la scena, creando uno spazio complesso e denso di significati, saranno le  proiezioni multimediali dei video-artisti Ginevra Napoleoni e Massimiliano Siccardi. L’evento è ideato e realizzato da Daniele Cipriani con la consulenza di Valeria Crippa, critico di danza  del Corriere della Sera assistente di Nureyev.

 

Un evento, dunque, imperdibile per tutti coloro che amano la danza e per chi ha voglia di scoprire il mitico Rudy, un grandissimo della danza che diceva: “Un uccello deve volare, andare oltre i monti,  scegliere la libertà“. (Virginia Zullo)

 





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto