Robert Mapplethorpe, oltre il cliché

Robert Mapplethorpe, oltre il cliché

Robert Mapplethorpe al Grand Palais di Parigi. Fino al 13 luglio una mostra esplora le analogie tra Auguste Rodin e l’artista di New York a 25 anni dalla sua scomparsa. Realizzata con al collaborazione della Fondation Robert Mapplethorpe, è curata da Jérôme Neutres, Joree Adilman, Hélène Pinet, e Judith Benhamou-Huet


Venticinque anni sono passati da quando Robert Mapplethorpe (1946-1989) morì a Boston, divorato dall’AIDS e dai suoi demoni. Parigi rende omaggio al fotografo con una mostra al Grand Palais con oltre 250 immagini in esposizione e una mostra più piccola dove i suoi scatti vengono  giustapposti alle sculture del museo Rodin.

 

La selezione copre l’intera carriera di Mapplethorpe, dalle Polaroid dei primi anni ‘70 ai ritratti della fine degli anni 1980 e attraverso nudi scultorei, nature morte, scatti sadomaso … nel rivelare mapplethorpetutti gli aspetti di questo lavoro, la mostra vuole andare oltre il cliché in cui è stato a lungo bloccato. Ad esempio c’è un focus sulle sue due muse Patti Smith e Lisa Lyon in grado di affrontare il tema delle donne e della femminilità, un aspetto certo meno noto del lavoro del fotografo. Lo scopo è quello di mostrare che Mapplethorpe è un artista classico, con una problematica di plastica, che utilizza il medium della fotografia allo stesso modo in cui avrebbe potuto utilizzare la scultura. Ma nella New York degli anni ’70-’80 (che la mostra evoca in seconda lettura) la fotografia gli sembrava il linguaggio perfetto. Nella sua intervista con Janet Kardon del 1987, lo stesso Mapplethorpe spiegava che la fotografia era “il mezzo perfetto” per “un tempo in cui tutto è veloce“.  In un certo senso Mapplethorpe non voleva essere un fotografo, il suo scopo era restituire la sua idea: “Se fossi vissuto 200 anni fa, – proseguiva nella stessa intervista – sarei stato probabilmente uno scultore, ma la fotografia è un modo veloce per vedere e scolpire. Lisa Lyon ricorda i modelli di Michelangelo, che scolpì donne muscolose“.
Mapplethorpe come uno scultore nell’anima e nell’immaginazione, un artista che vive la questione del corpo e della sessualità ed è ossessionato dalla ricerca delle perfezione formale. Sulla scia di Man Ray vuole essere “creatore di immagini” piuttosto che fotografo, “poeta” più che documentarista. Un artista le cui immagini trasmettono anche la sua cultura pittorica dove troviamo Tiziano ( La scuoiamento di Marsia / Elliot e Dominik ), David , Dalì , e anche il grande e il primo del Rinascimento italiano, Michelangelo, Piero della Francesca, Bernini …

La mostra apre con il suo auto- ritratto con un bastone sormontato da un teschio, l’immagine di un giovane uomo già vecchio, la tragedia di una vita abbattuto in pieno volo dall’AIDS . Ma la sua posizione finale è quasi regale, come se di là della morte, e ancora vivo già proiettasse la sua opera ai posteri, sembrando invitare il pubblico con un gesto del bastone pastorale a seguirlo nel mondo che ha costruito in 20 anni di fotografia. La mostra prosegue con immagini di statue, un tema dominante negli ultimi anni di Mapplethorpe, foto di statue di divinità del suo pantheon personale: Eros, naturalmente, e Hermes … L’artista che aveva sempre detto d’aver usato la fotografia per realizzare sculture, ha concluso la sua opera con fotografie di sculture. I suoi nudi erano già sculture fotografiche. Ma Mapplethorpe era davvero un creatore di immagini? Per essere pienamente apprezzata, l’arte di Mapplethorpe deve essere inserita nel contesto socio- culturale della New York tra ‘70 e ’80, e la cultura gay sotterranea di quel momento. Due mondi permeabili e altrettanto radicali. Per prendere la misura dell’esplosione libertaria del tempo, abbiamo bisogno di guardare Flesh, il film di Warhol con Joe Dalessandro , che racconta 24 ore nella vita di un giovane prostituto di New York . Per comprendere la violenza e la passione della sessualità gay per giovani newyorkesi che lottano per la libertà in un periodo repressivo , dobbiamo leggere Edmund White di The Beautiful Room is Empty, la storia di un giovane gay negli anni degli scontri e delle manifestazioni… Mapplethorpe è salutato come uno dei più grandi fotografi del mondo, e così è. www.grandpalais.fr

https://www.youtube.com/watch?v=KcnHSr2f7bg





COMMENTI
Lascia una risposta

Vedi tutto