Pompei: rubato un affresco dalla Casa di Nettuno

Pompei: rubato un affresco dalla Casa di Nettuno

Non c’è pace per Pompei, dopo il recente furto emerge un altro grave problema per il sito archeologico più importante del mondo: quello della sicurezza


A comunicare la brutta notizia è la soprintendenza speciale per i Beni archeologici di Pompei, Ercolano e Stabia in una nota. I fatti risalgono ad una settimana fa ma per non compromettere le indagini sono state resi noti solo ora.  Era il 12 marzo quando veniva segnalata da un custode in servizio nella Regio VI che effettuava un giro di controllo,  l’asportazione di una porzione di affresco nella Casa di Nettuno (VI 5, 3) degli scavi.

Dal sopralluogo eseguito dai tecnici della soprintendenza e dai Carabinieri di Pompei è stato accertato che ignoti si sono introdotti nella casa, che si trova all’interno di un settore della città non aperta al pubblico e con un oggetto metallico hanno scalpellato l’angolo superiore di un piccolo quadretto, asportando un frammento di circa 20 centimetri di diametro, in cui compariva  la figura di Artemide. Il quadretto è sito in un piccolo ambiente (cubicolo) della casa.

Sono in corso indagini approfondite da parte delle forze dell’ordine  per reperire tutte le informazioni ritenute utili per ricostruire esattamente le dinamiche. In particolare sono in corso l’acquisizione di informazioni sulle attività di vigilanza del personale di custodia anche nei giorni precedenti al furto e la visualizzazione delle riprese delle telecamere del sito archeologico per poter risalire agli autori del furto.

 

artemide-pompei





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto