Milano, all’Idroscalo inaugura il “Parco delle sculture”

Milano, all’Idroscalo inaugura il “Parco delle sculture”

Domani, 15 settembre apre al pubblico il Parco delle Sculture all’Idroscalo un progetto promosso dalla Provincia di Milano, con la collaborazione della Fondazione Materima di Casalbeltrame e il sostegno della Fondazione Banca del Monte, che vedrà 20 opere plastiche d’importanti artisti contemporanei raccolte lungo un percorso di grande suggestione paesaggistica


Il milione e oltre di milanesi che ogni anno frequente l’Idroscalo lo fa per i motivi più diversi. All’Idroscalo si va in estate a fare il bagno e prendere il sole; si va a praticare sport (una ventina le discipline consentite), ci si potrano i bambini a scatenarsi, si vanno a vedere spettacoli e concerti o si va semplicemente a passeggiare. Il Parco delle Sculture, un chilometro di begli scorci costellati da notevoli opere d’arte che si dipana verso la zona est del grande parco milanese, è un motivo in più per concedersi una capatina all’aria aperta.

A mettere assieme il percorso ci ha pensato un comitato scientifico composto da alcuni bei nomi del mondo dell’arte: Flavio Arensi, Lorenzo Respi e Alberto Zanchetta ai quali è dato anche il compito di acquisire nuove opere per il futuro e di di sviluppare progetti nazionali e internazionali coinvolgendo artisti emergenti.

Al momento la scelta s’è accentrata su venti autori molti dei quali sono nomi ormai storicizzati, ma non mancano artisti di nuova generazione, molte opere, inoltre, sono di grande dimensione. Il Parco delle Sculture accoglie quindi i lavori di Giovanni Campus (1929), Piergiorgio Colombara (1948), Alex Corno (1960), Paolo Delle Monache (1969), Alberto Ghinzani (1939), Patrizia Guerresi (1951), Giacomo Manzù (1908 – 1991), Giuseppe Maraniello (1945), Luciano Minguzzi (1911 – 2004), Augusto Perez (1929 – 2000), Nada Pivetta (1970), Fabrizio Pozzoli (1973), Medhat Shafik (1956), Mauro Staccioli (1937), Grazia Varisco (1937), Franco Zazzeri (1938). Buona visione. www.idroscalo.info, www.vividroscalo.it (g.m)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto