MAXXI: Hou Hanru nuovo direttore artistico (forse)

MAXXI: Hou Hanru nuovo direttore artistico (forse)

S’è svolto ieri a Roma il Cda del MAXXI, e il cinese Hou Hanru potrebbe essere il nuovo direttore artistico


Pare che Hou Hanru, cinese che anni vive tra Francia e Usa, sia l’unico curatore internazionale disposto ad accettare l’incarico per una remunerazione di tipo “ministeriale”, d’altronde per il primo museo statale italiano d’arte contemporanea, i problemi, neanche a dirlo, arrivano proprio dalla scarsità di mezzi. E il Mibac, subissato da problemi di natura ben superiore (vedi Pompei, l’Aquila e l’Emilia) non può mettere mano al portafogli, tanto che Massimo Bray, nell’ultima visita al museo avrebbe suggerito di farsi aiutare dai privati. Si parla di una sofferenza di cassa di 4 milioni di euro, al momento il ministero ne fornisce 3, gli sponsor “nicchiano” e la Regione Lazio latita. E dunque, malgrado il MAXXI lanci segnali di ripresa in quanto a visitatori e a consenso internazionale, occorre ancora tirare la cinghia. La stessa presidente della Fondazione, Giovanna Melandri, continuerà per il momento a lavorare senza stipendio. A settembre si deciderà per la sua retribuzione (si parla di 150mila euro annui).
Ma torniamo al probabile direttore: Hou Hanru, che ha un passato al San Francisco art Insitute e come curatore della biennali di Shanghai, Gwangju, Instambul e di alcuni padiglioni nazionali alle Biennali veneziane, avrebbe già assicurato il suo sì, dopo i dinieghi arrivati da alcune star della “curatela” come Beatrix Ruf (Kunsthalle di Zurugo). Tutto è comunque lasciato al tempo, la parola “programmazione”, l’unica che possa dare piena dignità alle molteplici funzioni del museo è sul tempo che vive. (a.d)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto