Mauro Corona. “Confessioni ultime”, e un reportage dal Vajont

Mauro Corona. “Confessioni ultime”, e un reportage dal Vajont

“Confessioni ultime” di Mauro Corona con un film di Giorgio Fornoni, in libreria per Chiarelettere


Pensieri e racconti di vita. Le Confessioni ultime di Mauro Corona sono il diario intimo di “un sognatore”. Un autoritratto che richiama in alcuni passaggi l’indimenticabile tradizione degli scritti morali, da Seneca al filosofo e samurai Jōchō Yamamoto, e si trasforma con impennate improvvise in un personalissimo sfogo sull’attualità e la politica. Suoni e basta, le parole hanno perso consistenza, volume, spessore, e con loro la vita. Le Confessioni prendono forma da queste parole ormai vuote. Libertà, silenzio, memoria, corpo, fatica, invidia, orgoglio, competizione, amore, amicizia, dolore, morte, Dio e la fede. Una rappresentazione laica profonda e illuminante: “Sono un grande peccatore, ma per tradizione e per educazione spero in Dio, e lo rispetto a modo mio. Spero in Dio, però non so più dov’è finito… Diceva Zvi Kolitz: ‘Caro Dio, io credo in te nonostante te’”.

Con un videoreportage di Giorgio Fornoni. Le musiche – splendide – di Nick Cave e Warren Ellis, tratte dal film “The Assassination of Jesse James”, accompagnano Mauro Corona in un viaggio a Erto, “paese di crolli e di dolore”, cinquant’anni dopo la tragedia del Vajont. Dalla tana rifugio in cui vive e lavora ai luoghi della sua quotidianità, 44 minuti che raccontano in presa diretta uno tra gli scrittori italiani più letti e amati.

(r.d)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto