Leroy Neiman è morto: addio al pittore preferito dagli sportivi

Leroy Neiman è morto: addio al pittore preferito dagli sportivi

All’età di 91 anni il pittore amante del colore e del movimento è morto a New York. Ecco cosa lo ha reso famoso…


Colori, espressionismo, sport e atleti: ecco le parole d’ordine del lavoro dell’artista Leroy Neiman che si è spento stanotte all’età di 91 anni nella sua casa di New York. Ritratti di atleti in movimento, manifestazioni sportive e tutto ciò che riguarda lo sport. Il pittore americano che ha dato un volto inedito al movimento, ma anche un punto di vista del tutto personalizzato che ha fatto appassionare il suo pubblico e ha permesso allo stesso Neyman di accrescere la sua fama.

Ma per cosa ricorderemo Leroy Neiman? E’ stato il pittore che ha fissato su tela eventi sportivi internazionali come cinque Olimpiadi (ai giochi di Los Angeles nel 1984 fu l’artista ufficiale), il Super Bowl, il Gran Premio di Monaco, le corse di cavalli ad Ascot, i campionati di tennis del Roland Garros, di Wimbledon e degli Us Open.

Neyman ha continuato a dipingere nonostante, nel 2010 abbia subito un’amputazione alla gamba a causa di un problema vascolare molto grave. Il 5 giugno è stata pubblicata la sua prima e unica autobiografia intitolata All Told: My Art and Life Among Athletes, Playboys, Bunnies, and Provocateurs. Sono passati meno di venti giorni dall’uscita e l’artista è morto. Leroy Neiman, un artista che ha lasciato un segno, un segno decisamente colorato.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto