Imran Qureshi, tra contemporaneità e tradizione: la mostra al MACRO

Imran Qureshi, tra contemporaneità e tradizione: la mostra al MACRO

Imran Qureshi – Deutsche Bank’s “Artist of the Year” 2013. Mostra a cura di Friedhelm Hütte e Bartolomeo Pietromarchi. Dal 25 settembre al 17 novembre, a Roma, al MACRO


2013_QURESHI_02Imran Qureshi, 41 anni, pachistano, premio Deutsche Bank’s “Artist of the Year” per il 2013, attualmente in mostra alla 55. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia nell’ambito de Il Palazzo Enciclopedico e al Metropolitan Museum of Art di New York. Quella che vedremo al museo di via Nizza a partire da domani sarà la sua prima personale in un’istituzione pubblica italiana. Curata da Friedhelm Hütte, responsabile Globale per l’Arte in Deutsche Bank e dal direttore del MACRO, Bartolomeo Pietromarchi, la mostra è reduce dal grande successo ottenuto ad aprile 2013 nella nuova KunstHalle di Deutsche Bank a Berlino.

La ricerca di Qureshi, che vive e lavora Lahore in Pakistan, dove insegna pittura miniaturistica al National College of Art, è una fusione di tradizione e contemporaneità. Nelle sue opere, infatti, motivi e tecniche tradizionali – come l’antica pratica della miniatura moghul (sviluppatasi tra il XVI e il XVII secolo nel sub-continente indiano), gli ornamenti floreali, l’uso del colore oro o delle forme ovali – convivono in modo indissolubile con un pensiero di natura concettuale e una pittura astratta contemporanea.

Il Pakistan è una presenza costante nei suoi lavori, non solo per quanto riguarda la tradizione legata alla cultura visiva: l’artista infatti inserisce nelle sue opere osservazioni personali sulle vicende storiche e sulla realtà di oggi del suo Paese, che diventa così emblema di problematiche universali, punto di partenza per una riflessione che coinvolge religioni, culture e società anche lontane, ma vicine in una realtà globalizzata.

Con un allestimento ripensato per gli spazi del Museo, sono esposte circa 35 opere e due interventi site-specific in cui l’artista esce dalla tela per affrontare e invadere lo spazio espositivo. (www.museomacro.org )

(r.v)

 

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto