Il Louvre perde visitatori, ma resta in capo al mondo

Il Louvre perde visitatori, ma resta in capo al mondo

Il Louvre è il più frequentato museo del mondo ma rispetto al 2012 perde mezzo milione di visitatori


Con i suoi 9,2 milioni di ingressi nel 2013, il Louvre resta in cima al mondo; per intenderci, raccoglie più visitatori di Pompei, Uffizi e Musei Vaticani messi assieme (che sono i luoghi d’arte più frequentati della Penisola) eppure ha segnato 500.000 entrate in meno rispetto all’anno precedente, quando arrivò a sfiorare i dieci milioni. Ma una spiegazione c’è, il 2012 è stato un anno eccezionale con l’apertura del nuovo Dipartimento di Arte Islamica o le esposizioni dedicate alle due star del Rinascimento: Leonardo da Vinci e Raffaello.

 

Al di là dell’eccezionalità del 2012, la cosa che ancora sorprende è la crescita verticale del numero dei visitatori del Louvre, che nel 2001 erano 5,1 milioni, poco più della metà.  Tuttavia il programma espositivo non vedrà, così com’è stato nel 2013, grandi attrattori; e d’altronde, come sottolinea opportunamente la stampa francese, Jean-Luc Martinez, il nuovo presidente del museo, è preso da altri problemi, come affrontare un calo dei finanziamenti del 2,5 % annuo e un prelievo sul capitale di 36 milioni in tre anni. Deve inoltre gestire e far crescere il Louvre-Lens , aprire il Louvre Abu Dhabi (le previsioni parlano del 2015), dare il via alle opere di riqualificazione dell’ingresso principale sotto la Piramide, tra l’altro. Così si concentrerà su mostre sempre di grande rigore scientifico ma più contenute e mediaticamente meno attrattive, come del resto sono state quelle del 2013. Come quella dedicata a Friedrich Beckmann e quella sulla scultura rinascimentale fiorentina, che  hanno raccolto rispettivamente 209.000 e 215.000 visitatori. Meno delle aspettative, meno di quanto la qualità delle stesse lasciasse pensare.

 

Dalle cifre emergono una serie di curiosità, ad esempio gli stranieri rappresentano quasi il 70 % dei visitatori del Louvre dove spiccano, nell’ordine: americani, cinesi e brasiliani. Sono stato invece 700mila gli studenti, che, in gruppo, sono passati nel 2013 davanti alla Monna Lisa.  (g.m)

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto