I Bronzi di Riace tornati a casa, finalmente

I Bronzi di Riace tornati a casa, finalmente

Una vittoria personale del ministro dei beni e delle attività culturali Massimo Bray, che nella notte scorsa, in gran segreto, ha seguito personalmente il trasferimento dei Bronzi di Riace nella loro sede originaria.


Una situazione quantomeno imbarazzante per l’Italia va così a risolversi (qui per approfondire). In anticipo rispetto alle previsoni, i Bronzi di Riace sono tornati nel corso della notte di giovedì al Museo Nazionale Magna Grecia di Reggio Calabria. Il delicato tragitto è stato effettuato a bordo di un camion speciale, scortato dai Carabinieri dalla sede del consiglio regionale della Calabria (Palazzo Campanella), dove le due sculture ormai risiedevano da tempo in una “umiliante” posizione straiata, fino al Museo.
Per ragioni di sicurezza il trasporto è avvenuto di notte, le due statue sono state imballate in casse speciali e immobilizzate da pannelli che seguivano le linee del corpo, questo per evitare ogni sollecitazione durante il trasporto.

Entro due settimane, promette il ministro Massimo Bray, il museo di Reggio riaprirà, una volta espletati tutti gli accorgimenti necessari a preservare l’integrità delle opere custodite. I Bronzi saranno protetti dagli agenti esterni (polveri, umidità ecc) portati dai visitatori da un sistema di filtraggio e da un percordo di depurazione attraverso il quale passeranno i visitatori. Saranno inoltre dotati di una protazione antisismica che permetterà ai Bronzi di mantenersi in posizione eretta in totale sicurezza.  Amen! (g.m)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto