Grandi Mostre: Temi & variazioni, l’impero della luce è alla Collezione Guggenheim

Grandi Mostre: Temi & variazioni, l’impero della luce è alla Collezione Guggenheim

Temi & variazioni. L’impero della luce. A cura di Luca Massimo Barbero 1 febbraio – 14 aprile 2014. Collezione Peggy Guggenheim, Venezia


Al via la terza edizione della innovativa serie di mostre ideata nel 2002 da Luca Massimo Barbero, che offre ai visitatori della Collezione Guggenheim un nuovo sguardo sulle collezioni del museo mettendole in dialogo con le opere di altri artisti contemporanei provenienti da altre collezioni. Opere delle avanguardie del 20esimo si collegano tematicamente in uno scontro e confronto con le opere del dopoguerra e dei contemporanei, tracciando l’evoluzione delle forme di espressione visiva ed il loro mutare nel tempo. La narrazione curatoriale rappresenta un’opportunità per approfondire temi in continua evoluzione come, appunto, la luce, il crepuscolo, e le tenebre, in un confronto ripetuto tra giorno e notte, assonanze e dissonanze, simboli e percezioni. 74 opere per un percorso che parte con Magritte e il suo L’impero della luce, da cui il titolo della mostra, e, attraverso una serie di dialoghi inediti (Fontana e Kapoor- Basilico e Matisse – Degas e Kiki Smith, Degas e Rothko, Richter e Sugimoto tanto per fare degli esempi) accosta artisti di generazioni diverse concludendosi con un omaggio a Fausto Melotti. E’ questo omaggio una sorta di mostra nella mostra per la monografica che include opere realizzate nel periodo più maturo di Melotti, tra gli anni ’60 e ’80, opere che illustrano al pubblico il suo rapporto con la musica come Contrappunto II, Orfeo dimentico, Chiave di violino, “creazioni di questo poetico scultore, che nella leggerezza incisiva dei suoni delle sue linee, ha per anni intitolato alcuni dei sui lavori proprio Tema e variazioni, da cui prende origine il titolo di questa rassegna”.

Immagine di testa: Peggy Guggenheim Collection, on the Grand Canal in Venice, Italy. Photo: David M. Heald, © SRGF, New York.





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto