Gianni Berengo Gardin, una mostra al Florian

Gianni Berengo Gardin, una mostra al Florian

Venezia: dal 27 settembre al 27 ottobre il caffè più antico del mondo ospita la personale di uno dei più grandi fotografi italiani, Gianni Berengo Gardin in una mostra che ferma i momenti di vita quotidiana al Caffè Florian


Gianni Berengo Gardin ha uno sguardo gentile. I suoi reportage, sempre attenti a cogliere la Storia, anche quella nascosta tra le pieghe del quotidiano, ci restituiscono con la poesia un’insanabile passione documentaristica, in una narrazione che pone sempre al centro  la condizione umana. Senza pietismi, senza paternalismi semplicemente con partecipazione, a dirci alla fine, che decenni di fotografia non immunizzano lo sguardo né dalla bellezza nè dalle miserie umane. E così questo giovane ottantatareenne, armato della curiosità di sempre e della maestria che il mondo gli riconosce, mimetizzandosi tra i clienti ha preso a fotografare quello che capitava nelle sale ricoperte di specchi e stucchi dello storico Caffè di piazza San Marco, un monumento all’incontro, nato nel 1720 dove la vita quotidiana assume ritmi del tutto propri. Anziane signore che sorbiscono tè e tramezzini col cagnolino in rigorosa ammirazione (della padrona); ospiti abituali; coppie d’innamorati che al Florian sembrano voler suggellare il patto più importante; turisti affascinati e incuriositi dall’ambiente, e poi l’elegante andirivieni dei camerieri, gli unici per i quali il Florian non rappresenti l’extra-territorialità di una pausa dalla quotidianità, ma la quotidianità stessa.

Berengo_Florian11.tif

Per il presidente del Caffè Florian Andrea Formilli Fendi, le cinquanta fotografie in bianco e nero rappresentano “una narrazione di vita di quello che è considerato il salotto ‘buono’ di Venezia”.

Assieme alle foto realizzate nella settimana di “missione”, Berengo Gardin ha aggiunto anche alcuni scatti “storici”, realizzati circa quarant’anni fa e ricavati dal suo archivio. E infatti Berengo Gardin ha un rapporto di lunga data con lo storico caffè: nel 2002, ad esempio, nell’ambito di un reportage intitolato “Veneziani” aveva immortalato proprio negli spazi del Florian un gruppo di cittadini famosi della città lagunare come Pino Donaggio, Alvise Zorzi, Tinto Brass e, successivamente, nel 2010, fissò alcuni momenti della grande festa fatta in Piazza San Marco per celebrare i 290 anni del più antico caffè italiano.

Gianni_Berengo_Gardin-1

Come sottolinea Stefano Stipitivich, direttore artistico del Florian: “Gianni Berengo Gardin, veneziano d’adozione, da sempre legato alla città lagunare dove ha mosso i primi passi della sua splendida carriera, ha fermato la macchina del tempo regalandoci una quarantina di scatti della vita d’ogni giorno di un locale che vive di uno splendido passato, col quale guardare fiduciosamente al futuro, ma anche di quotidianità. Un reportage fotografico che Berengo Gardin, con la sua arte, ha trasformato in una pagina poetica di vita veneziana”. (g.m)

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto