Gallery of Lost Art: la Tate di Londra racconta l’arte perduta

Gallery of Lost Art: la Tate di Londra racconta l’arte perduta

Le opere dei più grandi artisti perdute nel corso dei secoli per motivi ignoti o assurdi, ritornano in vita nella Gallery of Lost Art della Tate di Londra. Ma solo per pochi mesi…


L’arte ha una storia, quella con la S maiuscola dei manuali, quella che la suddivide in epoche e stili e poi ha una storia perduta, compromessa, da ricostruire. A questo scopo nasce per una anno la Gallery of Lost Art, voluta dalla Tate di Londra per raccontare le storie delle opere rubate, incendiate, perse nel tempo senza apparenti motivazioni. Il progetto si realizzerà sotto forma di archivio digitale come voluto dalla Tate e Channel4 con l’appoggio dell’Arts & Humanities Research Council. Le opere verranno aggiornate di settimana in settimana, ne scopriremo la storia per dodici mesi e poi proprio come le protagoniste di questo progetto, scomparirà dall’etere lasciando nuovamente un vuoto. Tra i lavori già presenti, c’è la famosa tenda di Tracey Emin, distrutta nel 2004 al Momart di Charles Saatchi per un incendio e il primo esemplare di “Fontana” di Marcel Duchamp, l’orinatoio del 1917, il cui destino è tuttora ignoto.

Per immergervi in questo esperimento di temporary art cliccate qui. Buona scoperta.

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto