”Frida y Diego” una vita di amori e tradimenti al Gallery Photology di Milano

”Frida y Diego” una vita di amori e tradimenti al Gallery Photology di Milano

Dal 6 giugno al 19 settembre in mostra le 30 fotografie d’intima quotidianità, realizzate da Leo Matiz, amico dei due artisti


“L’elefante e la colomba”, una storia d’amore intima, complice e passionale. Diego Rivera e Frida Kahlo, coniugi, amanti, coppia, artisti e attivisti.
Lui eterno traditore, primo e sincero ammiratore di Frida, resterà legato a lei tutta la vita.

Lei dalla personalità estremamente sensuale (dicono che il suo ideale di vita consistesse nel fare l’amore, fare un bagno e fare di nuovo l’amore), ebbe di contro numerosi amanti. Raccontano fosse estremamente attiva e vigorosa e amava profondamente il sesso.

Diego tollererà le sue storie omosessuali, ma non quelle con gli uomini.
A Diego Rivera piaceva il lato maschile di Frida, amava i suoi baffi, tanto da infuriarsi il giorno in cui lei decise di toglierli. Al contrario lei amava in lui il lato femminile, il suo petto, il lato tenero e la morbidezza del corpo.
Tutto questo sarà raccontato in una serie di immagini scattate a Coyacan tra il 1940 e il 1943 da Leo Matiz, fotografo che riuscì a instaurare con la coppia un’amicizia vera e solida.

Rolleiflex alla mano, Leo Matiz ha immortalato scene di vita quotidiana nella loro “casa blu” . Seppur nella loro semplicità, ogni ritratto rivela, in modo silenzioso, sottovoce, la sofferenza di una donna che ha dovuto combattere i demoni del destino attraverso la pittura. A partire dal lontano 17 settembre 1925, quando nel tragico incidente in autobus Frida si spezzo’ la colonna vertebrale in tre punti. . “Ho perso la verginità in quell’incidente” dirà poi con ironia, riferendosi al corrimano dell’autobus conficcatosi nel suo bacino.
Ma è a questa tragedia che dobbiamo tutta l’opera artistica della pittrice.

Leo Matiz © Alejandra Matiz Courtesy Photology Milano
Leo Matiz © Alejandra Matiz Courtesy Photology Milano

Un percorso, quello al Photology di Milano, che ci insegna a riconoscere l’incontro del dolore nella vita. “Non si impara nulla se non con il dolore” sosteneva Frida , e la stessa forza di queste parole la ritroviamo negli scatti fotografici di Matiz, capaci di suscitarci la stessa voglia di amare e la stessa vitalità che Frida metteva nei suoi amori, nei suoi quadri, nella sua lotta politica a fianco del Partito Comunista Messicano.

Photology è il punto di riferimento per molti collezionisti nell’ambito della fotografia a Milano ma anche in Italia, nata nel 1992 dall’estro di Davide Faccioli.

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto