Finale Emilia, così rinascerà la Torre dei modenesi (dell’Orologio)

Finale Emilia, così rinascerà la Torre dei modenesi (dell’Orologio)

La Torre dell’orologio, simbolo del terremoto dell’Emilia, sarà ricostruito. Il progetto al Salone del restauro


Come anticipato, dal 20 al 23 marzo 2013, si terrà, a Ferrara, il salone dell’arte del restauro e della conservazione dei beni culturali e ambientali. Il Comune di Finale Emilia sarà presente con uno stand nel quale poter visionare la prima stesura progettuale della ricostruzione della Torre dei Modenesi.

L’orologio spezzato a metà, ha fatto il giro del mondo divenendo uno dei monumenti più conosciuti, ma per i cittadini di Finale rappresenta, ora come sempre, il simbolo delle proprie Senza titolo22radici storiche. Per questo l’amministrazione comunale, oltre ad impegnarsi nella ricomposizione dei servizi sociali ed alla persona, e promuovere strumenti di sostegno alle imprese, agli agricoltori e alle famiglie, intende riconsegnare, nel tempo, alla propria cittadinanza e al mondo tutte le opere architettoniche di carattere storico ed artistico, quasi nello stesso stato precedente all’evento tellurico. Ciò significa che, a fronte di una riedificazione che segua gli elementi distintivi delle correnti culturali d’appartenenza, si punterà su una progettualità strutturale non moderna ma resistente.

Ecco le sue parole sull’impegno alla ricostruzione della Torre. “La volontà dei cittadini di Finale di ricostruire la propria torre, manifestatasi immediatamente dopo il sisma, si è subito concretizzata nel recupero delle pietre per opera dei volontari, nella continua ricerca  dei fondi necessari ai lavori,  nella ricerca di documentazione, nella predisposizione del progetto donato alla città da PierLuigi Cervellati, Carlo Dazzi, Elio Garzillo, Sauro Turroni.”

Per testimoniare questa determinata volontà comune verrà allestito uno stand dove verrà esposta la prima ipotesi progettuale per la ricostruzione della torre ed una porzione di muratura dove è ancora presente un frammento del tristemente famoso orologio.Senza titolo12

Il progetto verrà presentato anche nel convegno, che si terrà il 20 maggio alle ore 10.30 a cui parteciperanno gli autori del progetto, lo storico Savatore Settis insieme ad Andrea Emiliani e Sergio Rizzo, Il sindaco Fernando Ferioli e l’assessore Massimiliano Righini.

Sempre il 20 marzo, alle ore 15.30, nella Sala A, posta al 1° piano di Ferrara Fiere, sarà promosso, dall’Istituto Italiano dei Castelli, Sezione Emilia Romagna, un convegno, intitolato “I Castelli feriti: restauro critico e conservazione della memoria”. (r.d)

 

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto