Film. “Come il vento”, un nuovo lavoro per Valeria Golino

Film. “Come il vento”, un nuovo lavoro per Valeria Golino

Valeria Golino ha appena concluso le riprese della sua prima esperienza da regista, il film “Vi perdono” sul tema dell’eutanasia, e adesso è pronta a rindossare i panni dell’attrice


La Golino sarà la protagonista di “Come il vento” , pellicola drammatica diretta da Marco Puccioni. Verrà raccontata la storia di una delle prime donne direttrici di carceri, Armida Miserere, morta suicida nell’aprile del 2003 a Sulmona. Si uccise sparandosi un colpo di pistola alla testa nella sua abitazione attigua alla casa circondariale. Accanto a lei, solo il suo cane e, sul letto, la foto del suo compagno Umberto Mormile ammazzato dalla camorra nel 1990 a Milano. Sarà l’artista napoletana a interpretarla, mentre Filippo Timi, recentemente nel cast di “Com’è bello far l’amore”, sarà suo marito. La stessa Miserere, laureata in criminologia, iniziò la sua carriera a 28 anni a Parma, e per circa un ventennio, anni difficili tra P2, terrorismo e mafia, guidò le prigioni di Voghera, Pianosa, Ascoli, Spoleto e Lodi. Senza dimenticare l’Ucciardone di Palermo, le Vallette di Torino e San Vittore di Milano.

 

Era amica, fra gli altri, del magistrato Giancarlo Caselli che nutriva nei suoi confronti profonda stima. Aveva fama di dura, ma in realtà al tempo stesso era fragile. La perdita del compagno l’aveva segnata per sempre. E alla disperazione per la scomparsa dell’uomo amato, aveva dovuto abbinare la rabbia per non aver avuto subito giustizia pur avendo comunicato i suoi sospetti poi rivelatisi veritieri. L’opera verrà girata in varie location: da Casacalenda, in provincia di Campobasso, dove Miserere trascorse infanzia e adolescenza, a Volturara Appula, Lucera e Lesina, in provincia di Foggia. Ciak sono previsti anche nella stessa Foggia e a Taranto, oltre che nel penitenziario di massima sicurezza, chiuso nell’agosto del 1998, dell’isola di Pianosa. (Marco Fornara)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto