Fausta Garavini con “Storie di donne” vince il Premio Letterario Carlo Cocito

Fausta Garavini con “Storie di donne” vince il Premio Letterario Carlo Cocito

15 ritratti di donne forti e determinanti: ecco il libro che ha trionfato all’ultima edizione – la venticinquesima – del Premio Letterario Carlo Cocito.


Come ogni anno dal 1987, durante la prima domenica di settembre puntuale come un orologio svizzero arriva il Premio Letterario Carlo Cocito. Ecco i finalisti: Diego De Silva con “Sono contrario alle emozioni” (Einaudi), Fausta Garavini con “Storie di donne” (Bompiani) e Michele Mari con “Fantasmagoria” (Einaudi). La giuria popolare composta dai lettori delle Biblioteche del Roero ha assegnato all’unica scrittrice in concorso, Fausta Garavini e al suo “Storie di donne” il prestigioso premio, nella suggestiva cornice di Montà Alba (Cuneo).

Studiosa di letteratura francese e occitanica, traduttrice e scrittrice, Fausta Garavini offre ai suoi lettori 15 racconti che ruotano tutti attorno alle figura femminile in tutte le sue sfaccettature. Donne che cercano di affermare la propria identità facendo a meno di alcuni topos  femminili, come la famiglia e  la maternità. Sullo sfondo di ogni racconto c’è un matrimonio che non funziona, quel quotidiano senza sorprese, la “celebrazione domestica contro il dio del disordine”. Le donne di Fausta  Garavini non hanno figli e non ne vogliono, né nipoti. Emblematica la narratrice protagonista di un racconto che elegge il self-service a luogo simbolo di pasti solitari ma felici, via di fuga dalla falsa ritualizzazione familiare. E ogni racconto, attraverso una scrittura prismatica e volitiva, descrivendo un’ansia di libertà, rappresenta mille altre cose:  i legami ancestrali, il valore dell’amicizia, i rapporti madre-figlia, le incomprensioni e i pentimenti, gli echi del passato, un’Italia povera e piena di vergogne, come quelle mutandine sfilacciate di raion nero che una madre fa indossare alla figlia, segnando per sempre la sua vita. L’oggi che queste Storie di donne ci regalano è ben più ricco di un ebook o di un cellulare, perché proiettano in modo magistrale le paure e i desideri di ogni donna contemporanea sullo sfondo mitico della grande tradizione.

 





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto