Carsten Nicolai, l’alchimista tecnologico interviene sullo skyline di Hong Kong

Carsten Nicolai, l’alchimista tecnologico interviene sullo skyline di Hong Kong

Carsten Nicolai illuminerà lo skyline di Hong Kong con una nuova installazione audio –video durante i giorni di Art Basel Hong Kong (15-17 maggio). L’opera si potrà ammirare anche attraverso un’app


Il berlinese Carsten Nicolai, artista di fama internazionale, noto per le sue ricerche influenzate da sistemi di riferimento scientifici e modelli matematici, presenterà un nuovo, spettacolare lavoro durante Arte Basel Hong Kong 2014.  La monumentale evanescenza delle sue sculture di luce e suoni si trasferisce questa volta in α (alfa) pulse, opera dove impulsi di luce andranno in una frequenza sincronizzata su tutta la facciata dell’iconico grattacielo di 490 metri dell’International Commerce Centre (ICC) sul porto anteriore di Kowloon. Un’applicazione per telefono cellulare, a quanto è dato sapere al momento, consentirà al pubblico di partecipare all’installazione luminosa che, come un faro, invierà i suoi impulsi a tutta la città. α (alfa) è una costruzione sperimentale che esamina gli effetti della stimolazione audiovisiva sulla percezione umana. In conformità con la ricerca scientifica, si basa sui principi delle risposte neurali alle sorgenti luminose pulsanti. L’opera si presenta come un esperienziale set – up che esplora gli effetti che gli impulsi di luce potrebbero avere sull’umore, il rilassamento, l’attenzione e la creatività di spettatori .
Visibile da numerose sedi in tutta Hong Kong è accessibile tramite l’app, α ( alfa) pulse. Progettata dallo stesso Nicolai, l’applicazione fornirà l’audio per l’installazione e la possibilità di rispondere alla luce proiettata sul grattacielo, aggiungendo un altro strato per l’installazione. Per chi avesse la possibilità di godere dello spettacolo dal vivo, i luoghi pubblici per guardare α (alfa) pulse sono Tamar Park, Sun Yat Sen Memorial Park e la terrazza dell’IFC Mall.
Carsten Nicolai vive e lavora a Berlino e Chemnitz. Nel 2012 il pubblico italiano ricorderà una sua installazione all’Hangar Bicocca, così come la sua partecipazione alla Biennale di Venezia del 2003, o ancora,  la sua installazione (purtroppo rimossa troppo presto) nel 2009 in piazza Plebiscito, a Napoli, dove aveva realizzato un volo di mongolfiere che s’illuminavano al buio. Pura poesia.

 

Courtesy: Carsten Nicolai studio
Courtesy: Carsten Nicolai studio




COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto