Aste d’arte. Una piogga di record da Christie’s

Aste d’arte. Una piogga di record da Christie’s

Aste record da Christie’s – New York. Incassati 495 milioni di dollari (384 milioni di euro) dalla sessione di vendita d’opere del dopoguerra e contemporanee. record mondiali per Pollock, Basquiat, Lichtenstein e Manzoni


Dei 66 lotti venduti, 7 hanno superato i 20 milioni di dollari.
Nei tre lotti più importanti, La donna con cappello di fiori (1963), di Roy Lichtenstein venduta per 56,1 milioni al gioielliere Laurence Graff, mentre Dustheads di Basquiat, è stato acquistato telefonicamente da un anonimo per 48,8 milioni. Numero 19 (1948), un “drip painting” di Pollock, è stato venduto per 58,4 milioni di dollari ben oltre la sua più alta stima di 35 milioni. Si tratta dei nuovi record per questi tre artisti.
Record anche per Joseph Cornell, Hans Hofmann e soprattutto Piero Manzoni, un “Achrome” partito da 6 milioni, è stato acquistato a 14.123.750 (circa 11 milioni di euro). Record anche  per Philip Guston, Richard Serra, Luc Tuymans e Julie Mehretu.

Ma non è tutto, perché martedì sera, da Sotheby’s, l’opera dell’espressionista astratto Barnett Newman era stato aggiudicato a ben 43,8 milioni di dollari (34 milioni di euro). Fonti del NyT riferiscono che l’acquirente sarebbe Miuccia Prada.
Tra le reazioni, illuminante quella del mercante d’arte Asher Edelman che ha detto : “E’ stato incredibile. Nessuno sa che cosa fare con i soldi, immagino “.  Cinismo, amarezza… (a.d)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto