50 sfumature di grigio, il sequel con Jamie Dornan e Dakota Johnson non ci sarà

50 sfumature di grigio, il sequel con Jamie Dornan e Dakota Johnson non ci sarà

Se n’è tanto parlato, ma a quanto pare 50 sfumature di nero potrebbe essere addirittura un sogno per tutti i fan


I giorni e i mesi passano e dovrebbe anche passare quasi un anno prima di poter vedere finalmente 50 sfumature di grigio al cinema, il film tratto dal primo capitolo della trilogia firmata da E. L. James e che ha fatto innamorare milioni di donne della letterature erotica e soprattutto l’ha sdoganata come genere ugualmente importante come gli altri. Ecco dunque che Christian Grey diventa un sex symbol seppure soltanto immaginato e sognato e Anastasia Steele è ogni donna che si riconosce con una ragazza che s’innamora di un uomo speciale.

Naturale conseguenza di un successo letterario così è un film di prossima uscita (14 febbraio 2015), 50 sfumature di grigio arriverà al cinema e i due attori protagonisti sono già entrati nell’immaginario collettivo: Jamie Dornan e Dakota Johnson saranno Christian Grey e Anastasia Steele e il pubblico attende impaziente.

Come ben saprete, inoltre, 50 sfumature di grigio è soltanto il primo libro della trilogia scritta da E. L. James e inevitabilmente ci si domanda se al cinema arriveranno il secondo e il terzo capitolo della saga, ma a quanto pare la strada sembra essere lunga. Si è parlato tanto di un ovvio sequel, ma adesso Dana Brunetti – il produttore del primo film – rallenta.

Con tutta probabilità 50 sfumature di nero non è contemplato tra i prossimi progetti, diciamo infatti che il pensiero potrebbe esserci, ma prima di un anno non arriverà a concretizzarsi alcunché. Questo è quanto riferito dallo stesso Brunetti durante un’intervista a MTV News e questo è ciò che sta facendo tremare tutti i fan.

Ammettiamo però che  per adesso noi siamo dalla parte di 50 sfumature di grigio, perché ne stiamo parlando da troppo tempo, perché è da quasi due anni che studiamo da vicino il fenomeno cinematografico più che letterario e dunque c’è ancora tanto da aspettare prima del 14 febbraio. Concentriamoci sul primo film e poi, chi vivrà vedrà, no? (b.p.)





COMMENTI

Lascia una risposta


Vedi tutto